Addio di Lukaku propriet e dirigenti, sono tutti responsabili

Tutti nellInter conoscono la dura situazione economica gli unici innocenti sono i tifosiLukaku al Chelsea. Non ci sono state resistenze dellInter, solo trattative per strappare il prezzo pi alto. Non ci sono vittime e carnefici in questa storia nessuna anima candida che possa sbandierare stupore o aperto dissenso, a meno che non venga seguito da dimissioni. Perch tutti nellInter conoscono la dura situazione economica e il mandato di Zhang di tagliare i costi e vendere giocatori. Nessuno escluso. Nemmeno Lukaku.Gli unici innocenti sono i tifosi interisti che stanno vedendo smontare la squadra scudetto. In poco pi di due mesi sono andati via lartefice del titolo, Conte ora sono chiari a tutti i motivi della sua scelta O serve altro, Hakimi, e adesso Lukaku. Tra chi lontano in Cina e chi in prima linea a Milano a cercare soluzioni, scaricando le colpe, ecco i protagonisti della demolizione.Gli errori di Zhang. Spesso assente e criticata anche dai suoi dirigenti, la propriet si comporta come chi costretta a sistemare disastri altrui o ereditati. Mentre se lInter in questo stato di difficolt, la responsabilit di Zhang e del suo gruppo dirigente. Da due anni sono stati chiusi i rubinetti, il mercato interista andato avanti con artifici finanziari, pagher, cessioni con recompra e incentivi allesodo. I club di prima fascia nel mondo, con pochissime eccezioni, non sono un affare, perdono soldi e richiedono spesso iniezioni di liquidit, ricapitalizzazioni o enormi abilit manageriali. Lo sanno tutti. Ma non obbligatorio prendere un club e quando non si riesce pi a gestirlo, meglio venderlo. LInter ha fatto uno sforzo per vincere lo scudetto, sapendo che dopo sarebbe arrivato il conto. Eccolo. Con gli stipendi non pagati e i creditori alle porte, bisognosa di liquidit, la propriet si imbarcata nel fallito progetto Superlega, minando cos anche laccordo tra la Lega e il fondo Cvc. Scelte sbagliate. Poi arrivata la boccata di ossigeno del fondo Oaktree. Ma non basta. Una cosa per si deve riconoscere a Zhang aver avvertito i suoi dirigenti e, attraverso loro, lex tecnico Conte alla vigilia della partita scudetto con lUdinese, della necessit di rientrare di quasi 100 milioni e di tagliare gli ingaggi del 20 per cento. Impossibile riuscirci senza vendere qualche big. C chi davanti al progetto stravolto ha preferito salutare, come Conte, con una buonuscita di 6 milioni, ma lasciandone altri 6 sul tavolo previsti dal contratto, e chi invece, dopo essersi lamentato durante tutta la stagione, ha ritenuto pi giusto o conveniente rimanere.Le promesse di Marotta. Tra i dirigenti pi scaltri del nostro calcio, lad un navigatore di mille mari e un abile gestore della sua comunicazione. Nonostante conoscesse buchi e necessit del club dopo la partita scudetto con lUdinese ha annunciato raggiante linizio di un ciclo vincente e linseguimento della seconda stella. Eppure gi nei mesi precedenti conscio delle difficolt raccontava che non sarebbe rimasto a fare il liquidatore. Per calmare i tifosi delusi dopo laddio di Conte, si esposto assicurando che Lukaku non si sarebbe mosso e lui sarebbe stato il garante di unInter competitiva, altrimenti si sarebbe dimesso. Davanti alla possibile contestazione per la cessione del belga, ha preso le distanze facendo trapelare la contrariet sua e di Ausilio alloperazione. Per quando si occupano ruoli cos importanti se davvero non si condivide pi la linea della propriet, si dovrebbe poi fare il passo successivo. Ma come disse una volta Winston Churchill Ho dato le dimissioni, ma le ho rifiutate.Le operazioni di Ausilio. Anche il Ds, pur esponendosi meno dellAd, aveva assicurato che piuttosto che smontare la squadra, avrebbe lasciato da campione dItalia. Il bilancio dellInter risente di parecchie non felici operazioni passate. facile vendere Hakimi e Lukaku, il problema liberarsi dei giocatori indesiderati dagli ingaggi improbabili. A meno che non si provveda a sborsare decine di milioni per onerosi incentivi allesodo. Tre anni fa per ottenere necessarie plusvalenze fu venduta con obblighi di recompra mezza primavera interista, compreso Zaniolo dato alla Roma insieme a 24 milioni per Nainggolan. Se Zhang non ci ha pensato molto a vendere Lukaku anche perch i piani alternativi non funzionano.Il malumore di Inzaghi. comprensibile, ma anche lui non pu stupirsi. passato dalla sesta in classifica alla prima, con ingaggio raddoppiato, anche per accettare situazioni cos. Il suo agente Tinti lo stesso che ha curato laccordo di uscita di Conte dal club. Crediamo qualcosa gli avesse raccontatoIl tradimento di Lukaku. Scaricare su di lui le colpe non regge. Romelu ha capito laria che tira nellInter e ha colto loccasione di guadagnare di pi nella squadra campione dEuropa. Nulla che sorprenda. Di giocatori che giurano amore eterno fino a poco prima e poi se ne vanno, pieno il calcio. Big Rom fa solo parte del gruppo.LInter che sta passando velocemente dalla gloria al ridimensionamento, non solo di chi lha comprata e di chi la gestisce. Ma un patrimonio del calcio italiano e dei suoi tifosi. Non va mai dimenticato.Tipster space - Betting Tips and Predictions from experts - Bet Advisor, Tipster premium sports betting tips from experts. Odds comparison, manage your bet, tipster competition, free bets, Bonus comparations.

 
 
ULTIME NOTIZIE:
ULTIME NOTIZIE:
Gazzetta Awards: Dell'Aquila e Busà, ragazzi d'oro. Ci sono anche Bagnaia e Testa
Addio di Lukaku: propriet e dirigenti, sono tutti responsabili
Addio di Lukaku: propriet e dirigenti, sono tutti responsabili
800-450|||
agosto
08
Addio di Lukaku: proprietà e dirigenti, sono tutti responsabili
A CURA DI LUKAKU IN  SPORT 

Tutti nell'Inter conoscono la dura situazione economica: gli unici "innocenti" sono i tifosi
Lukaku al Chelsea. Non ci sono state resistenze dell’Inter, solo trattative per strappare il prezzo più alto. Non ci sono vittime e carnefici in questa storia: nessuna anima candida che possa sbandierare stupore o aperto dissenso, a meno che non venga seguito da dimissioni. Perché tutti nell’Inter conoscono la dura situazione economica e il mandato di Zhang di tagliare i costi e vendere giocatori. Nessuno escluso. Nemmeno Lukaku.Gli unici "innocenti" sono i tifosi interisti che stanno vedendo smontare la squadra scudetto. In poco più di due mesi sono andati via: l’artefice del titolo, Conte (ora sono chiari a tutti i motivi della sua scelta? O serve altro?), Hakimi, e adesso Lukaku. Tra chi è lontano in Cina e chi è in prima linea a Milano a cercare soluzioni, scaricando le colpe, ecco i protagonisti della demolizione.Gli errori di Zhang. Spesso assente e criticata anche dai suoi dirigenti, la proprietà si comporta come chi è costretta a sistemare disastri altrui o ereditati. Mentre se l’Inter è in questo stato di difficoltà, la responsabilità è di Zhang e del suo gruppo dirigente. Da due anni sono stati chiusi i rubinetti, il mercato interista è andato avanti con artifici finanziari, pagherò, cessioni con recompra e incentivi all’esodo. I club di prima fascia nel mondo, con pochissime eccezioni, non sono un affare, perdono soldi e richiedono spesso iniezioni di liquidità, ricapitalizzazioni o enormi abilità manageriali. Lo sanno tutti. Ma non è obbligatorio prendere un club e quando non si riesce più a gestirlo, meglio venderlo. L’Inter ha fatto uno sforzo per vincere lo scudetto, sapendo che dopo sarebbe arrivato il conto. Eccolo. Con gli stipendi non pagati e i creditori alle porte, bisognosa di liquidità, la proprietà si è imbarcata nel fallito progetto Superlega, minando così anche l’accordo tra la Lega e il fondo Cvc. Scelte sbagliate. Poi è arrivata la boccata di ossigeno del fondo Oaktree. Ma non basta. Una cosa però si deve riconoscere a Zhang: aver avvertito i suoi dirigenti e, attraverso loro, l’ex tecnico Conte alla vigilia della partita scudetto con l’Udinese, della necessità di rientrare di quasi 100 milioni e di tagliare gli ingaggi del 20 per cento. Impossibile riuscirci senza vendere qualche big. C’è chi davanti al progetto stravolto ha preferito salutare, come Conte, con una buonuscita di 6 milioni, ma lasciandone altri 6 sul tavolo previsti dal contratto, e chi invece, dopo essersi lamentato durante tutta la stagione, ha ritenuto più giusto o conveniente rimanere.Le promesse di Marotta. Tra i dirigenti più scaltri del nostro calcio, l’ad è un navigatore di mille mari e un abile gestore della sua comunicazione. Nonostante conoscesse buchi e necessità del club dopo la partita scudetto con l’Udinese ha annunciato raggiante “l’inizio di un ciclo vincente e l’inseguimento della seconda stella”. Eppure già nei mesi precedenti conscio delle difficoltà raccontava che non sarebbe rimasto "a fare il liquidatore". Per calmare i tifosi delusi dopo l’addio di Conte, si è esposto assicurando che Lukaku non si sarebbe mosso e lui sarebbe stato il garante di un’Inter competitiva, altrimenti si sarebbe dimesso. Davanti alla possibile contestazione per la cessione del belga, ha preso le distanze facendo trapelare la contrarietà sua e di Ausilio all’operazione. Però quando si occupano ruoli così importanti se davvero non si condivide più la linea della proprietà, si dovrebbe poi fare il passo successivo. Ma come disse una volta Winston Churchill: "Ho dato le dimissioni, ma le ho rifiutate".Le operazioni di Ausilio. Anche il Ds, pur esponendosi meno dell’Ad, aveva assicurato che piuttosto che smontare la squadra, avrebbe lasciato da campione d’Italia. Il bilancio dell’Inter risente di parecchie non felici operazioni passate. È facile vendere Hakimi e Lukaku, il problema è liberarsi dei giocatori indesiderati dagli ingaggi improbabili. A meno che non si provveda a sborsare decine di milioni per onerosi incentivi all’esodo. Tre anni fa per ottenere necessarie plusvalenze fu venduta (con obblighi di recompra) mezza primavera interista, compreso Zaniolo dato alla Roma insieme a 24 milioni per Nainggolan. Se Zhang non ci ha pensato molto a vendere Lukaku è anche perché i piani alternativi non funzionano.Il malumore di Inzaghi. È comprensibile, ma anche lui non può stupirsi. È passato dalla sesta in classifica alla prima, con ingaggio raddoppiato, anche per accettare situazioni così. Il suo agente Tinti è lo stesso che ha curato l’accordo di uscita di Conte dal club. Crediamo qualcosa gli avesse raccontato…Il tradimento di Lukaku. Scaricare su di lui le colpe non regge. Romelu ha capito l’aria che tira nell’Inter e ha colto l’occasione di guadagnare di più nella squadra campione d’Europa. Nulla che sorprenda. Di giocatori che giurano amore eterno fino a poco prima e poi se ne vanno, è pieno il calcio. Big Rom fa solo parte del gruppo.L’Inter che sta passando velocemente dalla gloria al ridimensionamento, non è solo di chi l’ha comprata e di chi la gestisce. Ma un patrimonio del calcio italiano e dei suoi tifosi. Non va mai dimenticato.
CONDIVIDI:
Addio di Lukaku propriet e dirigenti sono tutti responsabili bonus tipster bonus j code
Addio di Lukaku propriet e dirigenti sono tutti responsabili bonus tipster bonus j code
Addio di Lukaku propriet e dirigenti sono tutti responsabili bonus tipster bonus j code
Addio di Lukaku propriet e dirigenti sono tutti responsabili bonus tipster bonus j code
quote

Leggi anche:
Sport Notizie
Gli scherzi di Roberto Baggio. Bosco: Vi racconto cosa faceva ad Hysen
L'ex centrocampista viola Roberto Bosco, protagonista della stagione 1987-88, è intervenuto a Lady Radio:"Non ho mai gioc...
>>
Calcio Serie A
Mauro: Lazio in avanti per imporre il gioco. Juve obbligata al contropiede"
L'ex vede così la sfida dell?Olimpico: "Allegri ha capito che la sua squadra non ha i calciatori per proporre un gioco ma...
>>
Calcio Serie A
Conte: L'Inter il mio capolavoro. Il Tottenham la sfida più grande
Il tecnico dice tutto: "Per il titolo corsa a tre: Napoli, Milan e i nerazzurri. La Premier ha un fascino irresistibile e ti mig...
>>
Sport Notizie
A Sinisa il Premio Geremia (con 39 di febbre, da remoto) per La Partita della Vita"
Mihajlovic ha ricevuto il premio letterario per il libro scritto con il vice direttore della Gazzetta Andrea Di Caro. Il tecnico...
>>
Calcio Serie A
Ex al veleno: Spalletti-Sarri, aria di trappola e di vendetta per Inter e Juve
Con Napoli e Lazio che occasione per i due tecnici. Luciano fu esonerato per virare su Conte, Maurizio liquidato per Pirlo dopo ...
>>
Calcio Serie A
Napoli e Milan fino in fondo, Inter in bilico, Juve lontana e...: 7 domande per 7 sorelle
L'Atalanta "spreca" energie preziose in Europa. Lazio in arrivo, Roma in cerca di sé. Il punto sulle prime in classifica ...
>>
Calcio Serie A
Pioli: Favorevole a tempo effettivo e timeout. E vorrei parlare di più in campo"
L'allenatore rossonero: "I campioni hanno una competitività così forte che non è difficile allenarli. Prete...
>>
Calcio Mondiale
Tutto il nostro calcio ha bisogno dei Mondiali: ecco perché
È il momento di mettere la necessità della Nazionale davanti a tutto, perché non andare in Qatar sarebbe un...
>>
Calcio Mondiale
In Qatar a tutti i costi: ecco quanto costerebbe un nuovo flop Mondiale
Se l'Italia non si qualifica manca i premi Fifa. La crisi però investirebbe tutto il sistema calcio, a cominciare dalla S...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
Addio di Lukaku propriet e dirigenti sono tutti responsabili bonus tipster bonus j code


SKRILL

NETELLER

ARCHIVIO
NOVEMBRE 2021
OTTOBRE 2021
SETTEMBRE 2021
AGOSTO 2021
LUGLIO 2021
GIUGNO 2021
MAGGIO 2021
APRILE 2021
MARZO 2021
FEBBRAIO 2021
GENNAIO 2021
DICEMBRE 2020
NOVEMBRE 2020
OTTOBRE 2020
SETTEMBRE 2020
AGOSTO 2020
LUGLIO 2020
GIUGNO 2020
MAGGIO 2020
APRILE 2020
MARZO 2020
FEBBRAIO 2020
 
MAIL-LIST
PER OFFERTE ESCLUSIVE
& ULTIME NEWS
AGGIUNGIMI
t:1.68 s:62437 v:3963307
 
Tipster Space - Italia  
 
info@tipster.space
 
 
 
 
 
 
 
Torna su
INFORMAZIONI
Pronostici online Bonus Tipster space - Consigli e pronostici degli esperti, Giochi e Comparazione Bonus, Tipster premium, tutto lo sport utile alle puntate e le slot per giocare gratis. Comparazione Bonus, gestisci le tue scommesse, competizioni tra tipster.
 
Scrivici
 
NON SONO UN ROBOT
INVIA MESSAGGIO
 
Addio di Lukaku propriet e dirigenti sono tutti responsabili bonus tipster bonus j code
TIPSTER.space

© 2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI